F1 – Ancora paura in Brasile: tentata rapina ad alcuni tecnici Pirelli

Ancora paura in Brasile: tentata rapina ad alcuni tecnici Pirelli

A meno di 48 di distanza dalla rapina a mano armata di cui sono stati vittime gli uomini della Mercedes e, nonostante le promesse di una maggiore presenza di polizia attorno alla pista, una macchina su cui erano presenti dei montatori della Pirelli è stata attaccata da dei rapinatori.

I criminali hanno tentato di forzare l’auto dei tecnici della Pirelli a fermarsi in modo da poterli rapinare, ma fortunatamente il personale dell’azienda italiana è riuscito a darsi alla fuga.

Sebbene non sia stato rubato nulla e le persone coinvolte siano illese, l’incidente ha fatto salire alle stelle il disagio tra i membri della F.1, proprio perché c’era stata la promessa di un maggior impegno delle forze dell’ordine.

Lewis Hamilton ha ammesso la sua frustrazione per gli incidenti che si sono ripetuti in questo weekend.

“La cosa più frustrante è che sono in Formula 1 da 10 anni e ogni singolo anno è successo a qualcuno nel paddock. E continua a succedere” ha detto.

“E’ un problema che sicuramente il governo vuole provare a combattere, ma questo weekend avrebbero dovuto mettere in atto dei protocolli migliori”.

A questo punto si teme inoltre un problema di sicurezza per i test che proprio la Pirelli dovrà condurre nei prossimi giorni ad Interlagos con la Pirelli.

Pirelli tyre preparation area

Pirelli tyre preparation area

Photo by: Mark Sutton

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: