MotoGP – Valentino: “Vinales? Avrei preferito uno più vecchio, tipo Pedrosa!”

Valentino:

Approfittando dell’appuntamento del Monza Rally Show, oggi Valentino Rossi è stato ospite a Radio Deejay, alla trasmissione Deejay Chiama Italia, nella quale ha rilasciato alcune dichiarazioni assolutamente interessanti.

La sua chiacchierata è partita dalla stagione appena conclusa al secondo posto in MotoGP, un po’ deludente dal suo punto di vista ed iniziata ancora con le scorie della delusione del 2015: “Quest’anno sono stato un po’ sfortunato, ho sofferto delle scorie dell’anno passato che sono state molto difficili da digerire e ancora non ce l’ho fatta del tutto. E’ stata difficile fino alla prima vittoria di Jerez”.

Anche se erano solo le prime fasi della stagione, la rottura del motore del Mugello secondo lui poi ha sancito la resa nella corsa al titolo: “È stato il crocevia del campionato se non si fosse rotto sarei stato in lotta. E quando sei in lotta è diverso. Quando sei a 30 punti è facile, ma quando sei a 5 anche per l’altro diventa tutto più difficile”.

Intanto l’anno prossimo si ricomincia con un nuovo compagno di squadra come Maverick Vinales, che nei test di Valencia ha già dimostrato di essere un osso duro. Per commentare l’arrivo dello spagnolo, il “Dottore” se l’è cavata con una battuta: “L’ho scelto io? Non è vero! Avrei preferito uno come Pedrosa, uno un po’ più vecchio. Speravo di avere un problema un po’ più piccolo, invece Maverick sarà come minimo uguale. Però più simpatico” ha detto facendo riferimento anche a Jorge Lorenzo.

E riguardo al maiorchino ha aggiunto che i rapporti non sono stati più gli stessi dopo il finale dello scorso anno, ma che ha apprezzato il suo saluto dopo l’ultima gara: “Con Jorge i nostri rapporti si sono rovinati alla fine del 2015 perché abbiamo litigato abbastanza forte e da lì il rapporto non è più decollato. Però dopo l’ultima gara è venuto da me ad abbracciarmi, mi ha detto che mi ha sempre rispettato, è stato un bel momento”.

Anche con Marc Marquez è stato chiaro: il rapporto ormai non si potrà più ricucire del tutto, ma non nega che abbia un grande talento come pilota: “Penso che il 2015 abbia dimostrato molte cose su di lui, tra noi non ci sarà più niente a parte un normale rapporto di lavoro, rispetto. Comunque lui è veramente un gran pilota, è veramente forte. Non molla mai, dà sempre tutto per vincere, ha l’abilità di guida dell’ultima generazione. Poi lui ha uno stile particolare, con il gomito attaccato al terreno, spesso la moto gli si chiude davanti ma riesce a non cadere. È un po’ troppo forte, mi sarebbe piaciuto fosse un po’ meno forte”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: