F1 – Sainz: “Avrei fatto lo stesso anche io nella posizione di Hamilton”

Sainz:

Carlos Sainz Jr dice che lui non avrebbe esitato ad impiegare la stessa strategia di Lewis Hamilton ad Abu Dhabi se si fosse trovato nella sua stessa condizione.

Hamilton è finito al centro delle polemiche per come ha corso nella gara conclusiva della stagione, rallentando il compagno di squadra Nico Rosberg per cercare di farlo raggiungere dagli inseguitori.

Alla fine, la tattica non ha pagato, perché Rosberg è riuscito a difendersi dal ritorno di Sebastian Vettel e si è aggiudicato il titolo iridato con il secondo posto finale.

Quando gli è stato chiesto cosa pensasse della strategia di Hamilton, Sainz ha detto: “Lo farei anche io”.

“Quando si vuole vincere un titolo mondiale, devi essere pronto a provare tutto il possibile, sempre stando nelle regole, come ha fatto lui”.

“Alla fine non ha fatto nulla al di fuori delle regole, quindi appoggio la decisione di Lewis”.

“Avrebbe esagerato se avesse rallentato di più, ma penso che abbia fatto esattamente quello che doveva fare, anche per mettere pressione a Nico e vedere come la gestiva”.

Incoerenza delle penalità

Nel frattempo, la stagione dello spagnolo si è conclusa con un ritiro, seguito ad un incidente con Jolyon Palmer alla curva 17 del tracciato di Yas Marina.

Il britannico è stato punito con una penalità di 5″ per l’incidente, che secondo Sainz esalta l’incoerenza delle decisioni dei commissari di gara.

“Sono riuscito a passarlo alla curva 7 con una buona manovra, poi abbiamo dovuto farci doppiare dai leader e penso che lui abbia perso il controllo, finendo per urtarmi alla curva 17” ha detto Sainz sull’incidente.

“Cinque secondi di penalità non cambiano molto la sua vita, penso che lui lo sappia perfettamente e che lo stesso valga anche per la FIA”.

“La FIA ha volte fa così. Mi ha buttato fuori e mi sono dovuto ritirare, mentre io in Russia ho preso 10 secondi di penalità per essere andato oltre i limiti della pista”.

“Si possono vedere gli effetti di una manovra e dell’altra, quindi anche l’incoerenza delle sanzioni al giorno d’oggi”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: