WTCC – Pole position a sorpresa per Mehdi Bennani in Qatar

Pole position a sorpresa per Mehdi Bennani in Qatar

Il marocchino della Sébastien Loeb Racing è stato perfetto in Q3 battendo la Volvo di un ottimo Björk e le Citroën ufficiali di López e Muller. Chilton in pole per la Opening Race affiancato da Tarquini, male le Honda.

Clamorosa pole position centrata da Mehdi Bennani a Losail, dove sono andate in scena le ultime qualifiche della stagione 2016 del WTCC.

Il pilota della Sébastien Loeb Racing ha realizzato il giro perfetto in Q3, facendo l’ultimo settore come nessun altro è mai riuscito a fare fin qui in Qatar, dunque con la sua Citroën C-Elysée WTCC privata partirà davanti a tutti nella Main Race. Il marocchino è stato anche il più rapido dei piloti del WTCC Trophy.

In prima fila scatterà anche un ottimo Thed Björk, a conferma che la Volvo S60 TC1 della Polestar Cyan Racing cresce bene.

Qualifiche amare per le Citroën C-Elysée WTCC ufficiali condotte da José María López ed Yvan Muller, che partiranno dalla seconda fila dello schieramento dopo che l’argentino ha ottenuto il terzo crono e il francese il quarto.

Solo quinto Norbert Michelisz, che nel suo tentativo della Q3 ha centrato un pilone di gomme rompendo la parte anteriore sinistra della sua Honda Civic WTCC.

Sesto e fuori dalla Q3 per un soffio Rob Huff con la seconda Honda ufficiale, seguito dal compagno di squadra Tiago Monteiro, il quale scatterà affiancato dalla Volvo S60 TC1 della Polestar Cyan Racing condotta da Robert Dahlgren.

La prima fila della griglia invertita della Opening Race vedrà scattare dalla pole position Tom Chilton con la Citroën C-Elysée WTCC della Sébastien Loeb Racing, il quale si è classificato decimo. Al suo fianco avremo Gabriele Tarquini, il migliore delle LADA Vesta TC1.

Niente da fare per i suoi compagni di squadra: Nicky Catsburg conclude undicesimo, mentre Hugo Valente non è riuscito a completare nemmeno un giro in Q2 a causa della rottura della ruota anteriore sinistra sulla sua LADA Vesta TC1. Il francese, che scatterà dodicesimo, si è dovuto fermare in pista e la sessione è stata interrotta per alcuni minuti.

Eliminate in Q1 tutte le Chevrolet RML Cruze TC1, prima delle quali la #9 condotta da Tom Coronel (ROAL Motorsport), beffato per soli 0″094 e costretto a scattare dal tredicesimo posto in griglia affiancato da quella di James Thompson (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport).

Dietro a loro abbiamo la Cruze di John Filippi (Campos Racing) e le Honda Civic WTCC della Zengő Motorsport di Ferenc Ficza e Dániel Nagy. Chiude la classifica la terza Citroën della Sébastien Loeb Racing affidata a Grégoire Demoustier.

La Opening Race è prevista per le ore 19;20, mentre a seguire avremo la Main Race.

IL FILM DELLE QUALIFICHE

Q1
Cielo di Losail che si presenta nuvoloso al tramonto per i primi 20′ delle qualifiche. Il miglior crono lo fa subito registrare la Volvo di Björk in 2’01″597 seguito a 0″2 da Catsburg e Chilton. Dahlgren e Michelisz completano la Top5 davanti alle LADA di Valente e Tarquini, mentre Monteiro (che fa un giro in più degli altri) è ottavo, López nono, Thompson e Coronel decimo e undicesimo, Bennani è l’ultimo della Top12. Muller, Filippi, Huff e Nagy aspettano ai box ed entrano in pista quando mancano 12′ alla bandiera a scacchi. Yvan completa il suo tentativo centrando il primato in 2’01″220, pur ritrovandosi Tarquini davanti alla penultima curva. Ad 8′ dal termine tornano in pista un po’ tutti per effettuare il secondo tentativo. Restano ai box solamente Chilton, Monteiro e Coronel. I tempi si abbassano, López balza al comando in 1’59″788 battendo per 0″8 Michelisz, con Huff che si piazza terzo davanti a Valente e Muller. Poco dopo le Volvo di Dahlgren (quinto) e Björk (secondo) tornano nelle posizioni di vertice. A 4′ dalla fine a rischio ci sono Chilton e Thompson, mentre fuori dalla Q2 andrebbero Filippi, Monteiro, Demoustier, Coronel, Ficza e Nagy (che non ha tempi cronometrati). Chilton risale all’ottavo posto superando Bennani, Tarquini e Catsburg. Intanto Monteiro risale al quinto posto ed elimina Coronel, fuori dalla Q2 per soli 0″093. Assieme all’olandese vengono eliminati Thompson, Filippi, Ficza, Nagy e Demoustier.

Accedono alla Q2: López, Björk, Michelisz, Tarquini, Huff, Monteiro, Valente, Dahlgren, Muller, Bennani, Chilton e Catsburg.

Q2
Tutti subito in pista per i 10′ della seconda manche dove verrà assegnata la pole position della griglia invertita della Opening Race. Bennani torna ai box dopo il giro di lancio per un presunto problema tecnico. Muller va subito al comando in 2’00″133 battendo per 7 millesimi López. Valente rischia il testacoda per la rottura della ruota anteriore sinistra; dovendosi fermare in pista, il pilota LADA costringe i commissari ad esporre la bandiera rossa. Tutti i concorrenti sono quindi costretti a rientrare ai box senza tempi, esclusi i due “ufficiali” della Citroën. Con 5’20” a disposizione, di fatto resta solamente un tentativo a ciascuno. Muller decide di rientrare ai box e rinunciare al giro, ma i meccanici lo rimandano in pista inspiegabilmente, visto che mancano solamente 1’40” al termine (quindi troppo poco per effettuare l’intera tornata). López scavalca quindi Yvan girando in 1’59″798, mentre Björk, Michelisz e Bennani completano la Top5 e si guadagnano la Q3. Sesto e fuori dalla terza manche per soli 0″040 Huff, con Monteiro che conclude settimo davanti a Dahlgren. Tarquini è nono e scatterà dalla prima fila della Opening Race al fianco del poleman Chilton. Catsburg chiude undicesimo.

Accedono alla Q3: López, Muller, Björk, Michelisz e Bennani.

Q3
Il primo a scendere in pista è Bennani, con il marocchino che ferma il cronometro sul 2’00″456. A seguire tocca alla Honda di Michelisz e “Norbi” fa subito il record nel secondo settore, ma poco dopo centra un pilone di gomme poste a delimitare la pista e rompe l’anteriore sinistra della sua Civic fermandosi mestamente nella via di fuga. Dopo una sospensione di alcuni minuti per consentire la rimozione della Honda, ecco che Björk entra in azione; il pilota della Volvo ottiene i parziali migliori nella parte centrale, ma alla fine conclude alle spalle di Bennani per soli 0″036. E’ la volta di Muller e il pilota della Citroën è subito velocissimo, ma sbaglia andando larghissimo alla curva 14 e conclude dietro a Björk. Clamorosamente anche López non riesce a fare meglio degli altri perdendo un sacco nel terzo settore. Bennani si prende quindi la sua prima pole position.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Mehdi Bennani: “E’ incredibile, è difficile da credere. Questo è un weekend speciale per me perché corro praticamente in casa. Sono riuscito a fare meglio dei piloti ufficiali Citroën, non so come ho fatto, ma sono contentissimo. Il mio giro è stato quasi perfetto, ho cercato di essere il più preciso e pulito possibile e la differenza l’ho fatta tutta nell’ultimo settore, dove resco davvero ad andare al limite. Su questa pista è facile fare errori, abbiamo lavorato fin dalle libere per vedere dove potevamo migliorare, ma le condizioni non sono semplici e ogni volta che cerchi il limite rischi di sbagliare. E’ questione di centimetri, abbiamo visto cosa è successo a Michelisz in Q3. Inizialmente si era pensato di giocare di tattica e cercare di partire in pole position per la Opening Race, ma poi abbiamo deciso di giocarci l’accesso alla Q3 perché nelle ultime gare eravamo stati piuttosto competitivi concludendo sempre in Top3. Alla fine sono stato contento del mio giro ed è andata molto bene”.

Tom Coronel: “Purtroppo abbiamo perso tanto tempo prezioso ieri per la rottura della ruota sulla mia auto. In queste condizioni è tutto molto difficile, essendo così vicini diventa una lotteria fare il giro migliore del tuo avversario. Nel secondo settore ho anche incontrato traffico e certamente la cosa mi ha creato qualche problema. Il grip non è ottimale, c’è tanta sabbia in pista, ma è così per tutti quindi non sono troppo preoccupato. Vedremo domani di recuperare terreno”.

Hugo Valente: “E’ un peccato incappare in una rottura del genere, qui non ci sono cordoli alti, ma di fatto si è spaccata la sospensione. Sono molto dispiaciuto perché nelle libere ero stato molto veloce e anche in Q1 avevo avuto un buon passo. Sono all’ultimo weekend con LADA, vorrei ottenere un bel risultato, ma chiaramente ora è tutto più difficile. Spero che i meccanici riescano a riparare la mia Vesta TC1 per le gare, dove cercherò solamente di divertirmi”.

Viktor Shapovalov (team principal LADA Sport): “Si è rotto qualcosa nella sospensione anteriore sinistra sulla Vesta TC1 di Valente, ma non sappiamo il perché. Dobbiamo aspettare che la vettura rientri ai box per effettuare tutte le verifiche, al momento è difficile dire cosa sia potuto accadere perché ho visto solo le immagini in TV. Il pilota ci ha comunicato per radio che qualcosa non andava, ma di più non so”.

Tom Chilton: “Sono davvero contentissimo, avevamo calcolato che il nostro ritmo poteva essere da settimo posto o giù di lì, ma partire decimo mi darà la possibilità di scattare dalla pole position nella Opening Race. Voglio concludere bene la stagione, in Argentina ho vinto partendo dalla stessa posizione e desidero ripetermi. C’è da dire che la pista è in continua evoluzione, vedremo. Per ora mi godo questo bel risultato”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: