F1 – Abu Dhabi, Libere 2: Hamilton si conferma, problemi al cambio per Vettel

Abu Dhabi, Libere 2: Hamilton si conferma, problemi al cambio per Vettel

Lewis è ancora il più veloce, ma Rosberg si avvicina rispetto alla FP1. La Ferrari risale terza con il tedesco, ma sul passo di gara è distante e poi si ferma con un problema al cambio. Seguono le due Red Bull a mezzo secondo.

Lewis Hamilton vuole mantenere alta la tensione nella sfida finale per il titolo iridato con Nico Rosberg e si è confermato il più veloce anche nella seconda sessione di prove libere del GP di Abu Dhabi, quella in cui di solito viene simulata la qualifica.

Non a caso, tutte le prestazioni migliori sono venute fuori con le gomme ultrasoft, le più morbide della gamma Pirelli, con le quali il pilota britannico della Mercedes ha fermato il cronometro su un tempo di 1’40″861.

Rispetto alla FP1 però Rosberg è riuscito a farsi decisamente più pericoloso alle sue spalle, perché il leader del Mondiale, che si presentava a quest’ultima tappa con 12 punti di margine, ha ridotto da quasi quattro decimi a soli 79 millesimi il suo gap.

Un passo avanti importante sembra averlo fatto anche la Ferrari, specialmente con Sebastian Vettel, perché il tedesco ha chiuso a sude soli decimi. Peccato che però sul passo di gara i suoi tempi fossero piuttosto alti e che nel finale il quattro volte iridato sia rimasto fermo in pista con un problema al cambio.

Alle sue spalle ci sono le due Red Bull, staccate di mezzo secondo e separate tra loro da appena un millesimo. Ancora una volta ad avere la meglio è stato Max Verstappen su Daniel Ricciardo, pur lamentandosi di un comportamento piuttosto imprevedebile della sua RB12.

Sesto c’è Kimi Raikkonen con la seconda Ferrari ed è poco più indietro delle due “lattine”. Pure il finlandese si è lamentato parecchio del graining patito sulla sua SF16-H quando ha effettuato la simulazione di gara. Insomma, le Rosse sembrano funzionare con poca benzina, ma con il carico di carburante fanno fatica.

A completare la top ten ci sono poi le due Williams e le due Force India, con Valtteri Bottas e Felipe Massa che hanno messo a sandwich Sergio Perez e Nico Hulkenberg. Si riavvicinano poi alle posizioni di vertice le due McLaren, che questa volta sono 11esima e 12esima con Fernando Alonso e Jenson Button, pagando però oltre 1″5.

Problematica la sessione delle Toro Rosso, con Daniil Kvyat che è incappato in un’altra foratura alla posteriore sinistra (dovuta probabilmente ad un problema con i cestelli), questa volta in un tratto più veloce del tracciato. Una situazione che ha portato la squadra faentina a fermare anche Carlos Sainz Jr, con le due STR11 che quindi si ritrovano mestamente in coda al gruppo.

Immagine

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: