F1 – Abu Dhabi, Libere 1: Hamilton parte forte, le Ferrari sono lontane

Abu Dhabi, Libere 1: Hamilton parte forte, le Ferrari sono lontane

Nonostante un testacoda, il britannico rifila quasi quattro decimi alla Mercedes gemella di Rosberg, che è tallonata dalle due Red Bull di Verstappen e Ricciardo. Vettel è quinto, ma paga oltre 1″1, Raikkonen addirittura settimo.

Se vuole centrare il suo quarto titolo iridato, Lewis Hamilton deve vincere ad Abu Dhabi e sperare che alle sue spalle qualcosa vada storto per il leader Nico Rosberg.

Il pilota della Mercedes ha cominciato subito a fare la sua parte a Yas Marina, facendo segnare il miglior tempo nella prima sessione di prove libere. Pur avendo inizialmente utilizzato le ultrasoft, il britannico ha ottenuto il suo miglior riferimento di 1’42″869 con le gomme soft, che sono le più dure a disposizione in questo weekend.

Lewis, che è incappato anche in un testacoda alla chicane (stesso punto in cui si sono girati anche Felipe Massa e Jordan King, salito sulla Manor in questa FP1 al posto di Esteban Ocon) è stato il solo a scendere sotto all’1’43” ed ha distanziato di 374 millesimi la Mercedes gemella di Rosberg.

Con le gomme soft però sono state particolarmente competitive anche le Red Bull, che hanno chiuso entrambe distanziate di quattro decimi con nell’ordine Max Verstappen davanti a Daniel Ricciardo. Le due RB12, dunque, sono in pressing su Rosberg.

Anche le due Ferrari hanno lavorato solamente con le gomme a banda gialla, ma hanno avuto decisamente delle difficoltà in più, lamentando una certa carenza di grip. Sebastian Vettel, che ha provato anche l’Halo, è quinto ad oltre 1″1 da Hamilton, mentre Raikkonen si è ritrovato addirittura settimo a quasi 1″7.

Tra le due SF16-H si è inserita anche la Force India di Sergio Perez, che però ha utilizzato sia le gomme ultrasoft che le supersoft. A completare la top ten troviamo poi Carlos Sainz Jr, Felipe Massa e Marcus Ericcson, con le prestazioni del pilota della Toro Rosos e di quello della Sauber che però sono arrivate con le supersoft.

Subito fuori dalla top 10 c’è il collaudatore della Force India Alfonso Celis Jr, che ha montato addirittura le ultrasoft. Attardate invece le due McLaren, con quella di Jenson Button che ha pagato un problema all’ERS. Il britannico, arrivato all’ultimo GP, ha indossato nuovamente il casco giallo con cui era stato campione del mondo nel 2009.

Problemi di freni anche per la Haas di Romain Grosjean, con il francese che ha accusato un malfunzionamento al posteriore, arrivando molto vicino a “baciare” le protezioni alla curva 1. Solo quattro giri per Daniil Kvyat: il russo ha accusato una foratura alla posteriore sinistra proprio all’ultima curva e non potendo completare un giro intero è stato costretto a parcheggiare la sua Toro Rosso lungo il tracciato.

Immagine

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: