F1 – Verstappen: “La mia gara migliore in Brasile? No, resta quella in Spagna”

Verstappen:

Il pilota della Red Bull si è detto fiero di aver regalato spettacolo con la sua rimonta ad Interlagos, ma quella è valsa solamente un terzo posto, mentre a Barcellona è arrivata la sua prima vittoria in Formula 1.

Max Verstappnen e Daniel Ricciardo hanno approcciato il weekend di Abu Dhabi regalandosi una giornata sulle dune, ovviamente alla guida di quad. Ed altrettanto ovviamente, una volta tolto il casco, è stato l’olandese ad essere il più ricercato, per tornare sul quel Gran Premio del Brasile che lo ha proposto alla ribalta forse ancor più della sua vittoria all’esordio con la Red Bull nel Gran Premio di Spagna.

Tanto per cominciare Verstappen ha confermato di essersi rivisto la corsa: “Si, me la sono riguardata. Ma il divertimento non è stato quello di rivedermi in televisione, ma essere in macchina due domeniche fa. Ho fatto dei bei sorpassi, ma non sta a me decidere se ce ne sia stato uno migliore di altri, e non credo che sia poi una cosa importate”.

Per Verstappen il Gran Premio di Abu Dhabi ha due obiettivi: puntare al quarto posto nella classifica di campionato (Max è a cinque punti da Vettel) e soprattutto confermarsi sul podio al termine di un gran finale di stagione. “Per noi l’obiettivo è la terza posizione – ha spiegato Max – se non succede nulla alle Mercedes è difficile pensare che si possa andare oltre. Sono semplicemente troppo forti in questo momento, ma non sappiamo cosa accadrà tra i due la davanti. Geloso? No. Sicuramente ad un certo punto della carriera si vuole essere al volante della macchina migliore, ma sono convinto che la Red Bull stia lavorando molto bene. E poi siamo la seconda squadra, non è così male”.

Tornando al Brasile Verstappen ha spiegato anche cosa lo ha portato a cercare traiettorie differenti rispetto ai rivali diretti. “Quando si è in gara si cerca di andare dove le sensazioni sono migliori – ha confermato – e credo che alcuni dei miei avversari avessero un feeling migliore approcciando le traiettorie interne. Io ho spinto molto, e così facendo le temperature degli pneumatici sono salite ed avevo un buon grip, così non è stato difficile provare delle traiettorie differenti. La mia miglior gara? No, credo che quella resti quella di Barcellona, perché alla fine si è conclusa con una vittoria. In Brasile è stata buona sul fronte dei sorpassi, ma il momento più speciale resta il Gran Premio di Spagna”.

Anche se manca ancora una gara, Verstappen ha confermato un bilancio positivo del suo 2016: “E’ stato molto positivo, ho imparato molto anche nelle giornate meno buone. Non mi posso lamentare, ho ottenuto una vittoria e dei podi importanti. Speriamo che l’anno prossimo, con un auto nuova, possa frequentare di più il podio. Il momento peggiore del 2016 è stato sicuramente a Montecarlo, per il resto direi che è andata bene”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: