F1 – Symonds: “Le vetture 2017 non saranno cinque secondi più veloci”

Symonds:

Secondo Pat Symonds, responsabile tecnico della Williams, le monoposto 2017 di Formula 1 mancheranno l’obiettivo di essere 5″ più veloci al giro, e magari faranno addirittura gli stessi tempi su piste da basso carico come Monza.

Con le squadre al lavoro per preparare le monoposto in vista del grande cambio regolamentare che verrà introdotto il prossimo anno, Symonds ritiene che sia lontano dalla realtà parlare di vetture che saranno difficili da gestire per i piloti.

Invece, suggerisce che i tempi sul giro saranno simili a quelli di una decina di anni fa, quindi circa un paio di secondi più veloci rispetto ad oggi”.

“Hanno già guidato macchine simili in passato, non saranno niente di più di quelle che avevamo nel 2004 o nel 2005” ha detto Symonds.

“Per fare un esempio, una curva da 200 km/h potrà essere percorsa con una velocità di 30-35 km/h in più, quindi produrrà un G in più di accelerazione. Potrà essere più importante lo sforzo fisico, ma non quello mentale, o almeno è questo che penso”.

“Le prestazioni saranno simili a quelle delle vetture della metà degli anni 2000. Ma ricordate che l’obiettivo era renderle 5″ più veloci al giro? Non credo che lo raggiungeremo”.

“Avremo la grande incognita delle gomme, è vero, perché non sappiamo davvero dove saremo da quel punto punto di vista. Ma anche pensando ad un grande margine di gomma, penso che al massimo i secondi saranno quattro”.

“In piste come Barcellona, dove questo tipo di vetture sarà abbastanza performante, sarà anche di più, ma su altri, come ad esempio Monza, dove si toglie tanto carico aerodinamico, non credo che vedremo grandi differenze sul tempo rispetto ad oggi”.

Symonds dice che i progressi per le vetture 2017 sono stati in parte limitati anche dal fatto che i prototipi delle gomme per la galleria del vento sono arrivati solo nel mese di febbraio, limitando il tempo a disposizione per lo sviluppo.

“Abbiamo avuto le gomme per la galleria del vento alla fine di febbraio, quindi è stato un periodo di gestazione molto più breve per esempio rispetto alle vetture 2009” ha detto Symonds.

“Inoltre la grande differenza con il 2009 è che avevamo a disposizione le gallerie del vento 24/7, la Toyota addirittura due gallerie. Ora qualsiasi squadra, che sia Haas, Manor o la Mercedes, ha a disposizione poche ore alla settimana. Ciò significa che se qualcuno ha fatto un passo avanti, sarà difficile da raggiungere”.

Mentre vede la possibilità che l’ordine possa essere un po’ modificato nel 2017, Symonds è molto più critico riguardo a quella di vedere una maggiore convergenza prestazionale.

“La convergenza si ottiene nel tempo e l’esempio classico son le power unit. Penso che nel 2017 non ci sarà grande differenza da questo punto di vista. Dal punto di vista del telaio però ci sarà un cambiamento importante, quindi è normale che ci possa essere un cambiamento dell’ordine, ma non necessariamente un riavvicinamento, esattamente come è successo dopo il bando dei diffusori soffianti”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: