F1 – Verstappen che magie: undici sorpassi in quindici giri!

Verstappen che magie: undici sorpassi in quindici giri!

Max Verstappen ha capitalizzato solo un terzo posto per gli errori di strategia del muretto Red Bull nella scelta delle gomme, ma la gara di Interlagos dell’olandese è stata festeggiata come una vittoria per i sorpassi mostrati sul bagnato.

Quando il patron Dieter Mateschitz ha accostato l’inizio di carriera di Max Verstappen a quello di Ayrton Senna ci sono state molte reazioni, in maggioranza scandalizzate da un paragone scomodo per chiunque.

Il diciannovenne di Hasselt (già, perché Max è nato in Belgio) ha preso il via di 39 Gran Premi, con una vittoria e sette podi, ma non è di questo di cui si parla dopo il Gran Premio del Brasile. Perché ci sono cose che i numeri non possono raccontare, ed una di queste è la gara disputata oggi ad Interlagos dal ragazzo della Red Bull racing. In archivio andrà il suo un terzo posto, ma nella memoria rimarrà molto di più.

Ad un certo punto della corsa è sembrato che piovesse su tutto il Brasile tranne che sulla vettura dell’olandese, quasi sfacciato nel modo in cui ha sfilato gli avversari. Ha iniziato subito, nei primi metri di gara, sverniciando la Ferrari di Kimi Raikkonen alla staccata della prima frenata.

E’ vero, la Red Bull ha un carico aerodinamico pazzesco, e questo aiuta a mandare in temperatura le gomme, ma una monoposto identica era in pista con al volante Daniel Ricciardo, ed anche questo è stato un paragone scomodo. Ma oggi Verstappen ha brillato di una luce tutta sua, e dopo l’antipasto della prima metà di gara (incluso un controllo della vettura da brividi dopo un aquaplaning sul rettilineo principale) ha sfornato il piatto forte della casa negli ultimi 17 giri, dopo l’ultimo pit-stop in cui è tornato alle gomme full-wet (cambio resosi necessario dopo l’errata scelta del muretto della Red Bull di provare l’azzardo con le intermedie).

Tornato in pista, Verstappen ha messo a segno undici sorpassi in quindici giri, includendo nella lista anche Ricciardo ed agguantando una terza posizione che sa tanto di impresa. A fine gara il box Red Bull lo ha celebrato come un vincitore, ed anche un tipo non tiepido come Helmut Marko è sembrato quasi essere commosso. Il paddock fiuta le giornate che poi sono destinate ad essere ricordate, e questa sembra proprio essere una di quelle…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: