F1 – Ferrari: Raikkonen davanti a Vettel non è più un fatto casuale!

Ferrari: Raikkonen davanti a Vettel non è più un fatto casuale!

Per la quarta volta di fila Raikkonen è stato davanti a Vettel: nelle qualifiche di Interlagos la differenza è stata solo di millesimi, ma la ritrovata Ferrari di Interlagos si adatta meglio al finlandese che ora punta al podio nella sfida con le…

Anche i millesimi a volte possono pesare come macigni, ed oggi a Interlagos i millesimi hanno fatto la differenza. Ma prima di passare al confronto tra Red Bull e Ferrari che si preannuncia molto serrato anche nella gara di domani, bisogna rendere merito ad una delle migliori performance stagionali della Mercedes.

Nulla di inedito, ovviamente, ma vedere Rosberg ed Hamilton svettare sul primo e terzo settore (di pochi millesimi, ma pur sempre primi e secondi) e mettere ben sei decimi su tutti nel tratto guidato del tracciato di Interlagos (circa 30 secondi di pista) è qualcosa di impressionante. Nonostante il carico aerodinamico necessario per imporre quei distacchi nel secondo settore, la velocità di punta è sempre da primato. Questo per dire che anche in caso di pioggia, le due Mercedes nella gara di domani non avranno rivali.

Al netto dell’usuale supremazia del team Campione del Mondo, Kimi Raikkonen nel sabato brasiliano è stato il poleman degli altri. Millesimi, dicevamo, ma importanti. Perché un terzo posto fa morale, soprattutto con due Red Bull alle spalle, e per Iceman si tratta della quarta qualifica consecutiva che lo conferma davanti al compagno di squadra. E il bottino è salito ad un impressionante 8 a 3 nelle ultime 11 gare.

“Oggi tutto è andato meglio rispetto a ieri – ha commentato Raikkonen – ero più a mio agio con la macchina. Nel complesso è stato più facile per tutti, le temperature più basse hanno aiutato, mentre ieri la temperatura della pista era molto alta. A dire la verità nell’ultimo tentativo l’avantreno scivolava nelle prime due curve e ho avuto qualche difficoltà nel settore centrale a mettere insieme il giro. Sapevo che il mio tempo sarebbe stato migliore di quello precedente, ma ho pensato che non sarebbe stato sufficiente, perché non era un giro perfetto, ma è bastato per conquistare la terza posizione e sono positivamente sorpreso”.

Questa volta a Vettel non ha detto proprio bene, perché Seb si era confermato sempre davanti al compagno di squadra nell’arco del weekend (anche se con piccoli margini), ma poi sono arrivati quei 91 millesimi di distacco da Kimi che lo ha portato in quinta posizione.

Il tutto a causa dell’ultimo cruciale giro lanciato in Q3 che non è stato come sperato:
“Penso che la terza posizione fosse possibile, ma probabilmente sono stato un pò troppo prudente. Tutto sommato penso che sia stata una buona sessione, la macchina si è comportata bene, forse alla fine avrei potuto tirarne fuori qualcosa di più”.

Visti i margini ridotti, il confronto Red Bull-Ferrari si giocherà su tre fronti: partenza, temperature della pista, e strategie.
“Ieri sul giro singolo non eravamo particolarmente forti – ha confermato Vettel – ma sulla distanza siamo andati bene, quindi per domani, se è asciutto, dovremmo essere abbastanza in forma. Il nostro principale rivale sarà la Red Bull, che oggi aveva un passo simile al nostro. Credo che, come sempre, in gara saremo un po’ più veloci, quindi domani si può fare un buon risultato. Se piove, sarà la prima volta per tutti in questo fine settimana, ma tanto non possiamo farci nulla. Di pneumatici da bagnato ne abbiamo a sufficienza…”.

Se la gara sarà asciutta, diventerà importante il parametro “temperatura”. Con venti gradi in meno rispetto alle prove di ieri, la SF16-H ha ritrovato condizioni migliori, ma sarà importante valutare anche l’aspetto strategie. In Red Bull ormai è passata la linea del differenziare i cambi gomme, e giocando su due fronti con Verstappen e Vettel, le possibilità di indovinare le scelte aumentano.

Non è da escludere che anche la Ferrari possa ricorrere a questa opzione, ma molto dipenderà dalle posizioni dopo il via. Un’ultima nota curiosa riguarda proprio le posizioni sulla griglia di partenza di domani. Verstappen, Vettel e Ricciardo si ritroveranno in pista esattamente nelle stesse posizioni in cui hanno concluso il discusso Gran Premio del Messico, creando il contesto per una rivincita a due settimane di distanza dai discussi ultimi giri sul circuito Pedro e Ricardo Rodriguez…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: