MotoGP – La Yamaha impone a Lorenzo il silenzio sul primo test Ducati

La Yamaha impone a Lorenzo il silenzio sul primo test Ducati

Anche se avrà modo di provare la Ducati la settimana prossima a Valencia, il contratto che lega ancora Jorge Lorenzo alla Yamaha gli impedirà di parlare della sua nuova moto fino al prossimo anno.

Dunque, lo spagnolo, che martedì prossimo si metterà per la prima volta alla guida della Desmosedici, non potrà fare dichiarazioni ai media su questo primo contatto.

Resta da vedere, in ogni caso, quale strategia utilizzerà la squadra italiana in questo senso, e se cercherà una formula per dare a questo esordio la copertura mediatica che merita.

L’intesa tra la Yamaha e lo spagnolo non è stata facile quando è stato il momento di concordare i modi della separazione. A parte le due giornate di test di martedì e mercoledì, la struttura giapponese non permetterà a Lorenzo di provare la sua nuova moto fino al prossimo anno, un fatto che il #99 non ha digerito bene, perché non si aspettava di ricevere un trattamento di questo tipo dopo aver contribuito a tutti i successi della Casa giapponese negli ultimi sei anni.

Il fatto è che la Suzuki permetterà a Maverick Vinales di salire sulla Yamaha anche in un test in programma alla fine del mese. E che lo stesso vale per Andrea Iannone, visto che la Ducati gli ha dato l’ok per provare la Suzuki.

Tuttavia, la Casa di Iwata ritiene che sia già una concessione permettere a Lorenzo di girare a Cheste, dato che c’è un accordo tra le due parti che andrà in scadenza solo il 31 dicembre.

La Yamaha sostiene che il suo consiglio d’amministrazione non accetta di dover stipendiare ancora uno dei suoi dipendenti più pagari, consentendo ad una rivale diretta di sfruttarne i benefici d’immagine.

In realtà, da quando ha annunciato il suo passaggio alla Ducati sei mesi fa, il tre volte campione ha evitato di menzionare per quanto possibile il nome Ducati, proprio per evitare problemi.

“Si tratta assolutamente di sport, ma non di carità. Si tratta di affari” aveva detto recentemente Lin Jarvis per giustificare la decisione della Yamaha.

Allo stesso tempo, il boss della squadra aveva anche parlato di motivazioni sportive: “Naturalmente, a Jorge piacerebbe avere l’opportunità di girare, perché il suo obiettivo è essere competitivo il prima possibile con la Ducati, ma l’anno prossimo sarà uno dei nostri avversari principali, quindi è normale che il suo desiderio sia diverso dal nostro”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: