F1 – Hamilton: “Darò il massimo fino ad Abu Dhabi”

Hamilton:

Con la vittoria ottenuta in Messico l’inglese riduce a 19 punti il distacco da Rosberg in classifica; con la mente sgombra e senza alcuna pressione, il pilota della Mercedes vuole giocarsi tutte le sue carte fino alla fine.

Con la vittoria di oggi al GP del Messico Lewis Hamilton ha raggiunto quota 51 successi in F1, esattamente lo stesso numero del “Professore” Alain Prost.

L’inglese regala anche alla Mercedes il 17° trionfo stagionale, un record per un Costruttore del Mondiale.

“Sono molto contento per aver regalato la 17a vittoria alla Mercedes, più della metà dei successi che ho conquistato in carriera me li sono portati a casa grazie a questo team, segno che siamo un gruppo di lavoro davvero unito e fortissimo. Sono veramente fiero di farne parte”, ha commentato Hamilton.

La sua vittoria è giunta dopo un dominio dalla prima curva (tagliata) alla bandiera a scacchi, eccezion fatta per la finestra dei pit-stop. Riguardo all’episodio della staccata iniziale, Lewis spiega che in realtà la sua Freccia D’Argento ha sofferto per un problema tecnico.
“Nel giro di formazione ho avuto un problema ad uno dei freni anteriori, dunque sono arrivato alla prima curva in bloccaggio, per fortuna c’era la via di fuga e ho potuto tagliare la variante. Dopo ho iniziato a sentire delle fortissime vibrazione tanto che faticavo a mantenere la concentrazione, ma eravamo solo ad inizio gara e le gomme pian piano si sono sistemate”.

L’episodio ha fatto storcere il naso a molti, ma i commissari non hanno deciso di infliggergli sanzioni.
“Non ho preso nessuna penalità perché non ho guadagnato molto da questa situazione, anzi, con le vibrazioni dovute allo spiattellamento della gomma ho sofferto nei primi giri. Il problema ai freni me lo hanno comunicato via radio nei dettagli, dunque avremmo anche potuto dimostrare con la telemetria che qualcosa non aveva funzionato in macchina”.

Hamilton in classifica generale ha ora 19 punti da recuperare sul compagno di squadra Nico Rosberg, oggi secondo al traguardo, quando in palio ce ne sono ancora 50. Ma il britannico non ha intenzione di arrendersi…
“Il secondo posto di Nico è la dimostrazione che siamo sempre i migliori, ma anche che dovrò dare il massimo fino alla fine se voglio sperare di rimontare e vincere il titolo. Oggi avevo una vettura fantastica, frutto del grande lavoro del team. Ora non penso più a quanto successo in Malesia, voglio correre sereno le ultime gare e giocarmi le mie possibilità fino ad Abu Dhabi”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: